You are here
Home > Finanza e investimenti > Acciaio: settore da guardare

Acciaio: settore da guardare

Le industrie siderurgiche rivestono un ruolo fondamentale nell’economia di molti paesi del mondo. Per un certo periodo di tempo, ciò è stato vero anche in Italia, nazione che soltanto negli ultimi anni sembra finalmente vivere una nuova fase di sviluppo in tal senso. Al momento però i leader indiscussi del settore sembrerebbero essere gli orientali, giapponesi, indiani e coreani su tutti.

In ogni caso è possibile affermare che, considerando la produzione di acciaio a livello mondiale, soprattutto se si tiene conto della sua variabile inox, il settore è in forte crescita: ogni anno, tracciando una storia della produttività dal 1960 ad oggi, infatti, essa è aumentata del 5%.

L’acciaio deve il suo crescente successo al sempre più ampio impiego nel settore dell’edilizia, della produzione di elettrodomestici, nell’ambito dell’industria farmaceutica e al massiccio utilizzo nel settore della costruzione di acquedotti, che richiedono un lavoro di forgiatura dell’acciaio non indifferente. Per quanto riguarda l’Italia l’industria più produttiva risulta al momento l’Acciai Terni.

Il futuro dell’industria siderurgica

Sebbene sia un settore su cui sarebbe utile, soprattutto in Italia, investire del denaro, il monitoraggio del mercato siderurgico sarà negli anni avvenire probabilmente soltanto affare di comparti elitari della finanza: non sono in molti infatti disposti a scommettere su questo settore, almeno all’interno dei nostri confini.

Le più recenti previsioni riguardanti il destino delle industrie siderurgiche stimano comunque una crescita costante di questo ambito produttivo. Gli esperti del settore giurano infatti che la produzione di acciaio inox crescerà costantemente in futuro di almeno un 6% annuo. Questa informazione è utile soprattutto se si considera che molte previsioni recentemente effettuate stimano anche che la richiesta di acciaio, soprattutto da parte di industrie alimentari e farmaceutiche, sarà pressoché costante e fissata quindi su livelli relativamente alti di impiego (paradossalmente invece si prevede una battuta d’arresto per quanto riguarda la fornitura di materiali siderurgici alle industrie automobilistiche) nel corso degli anni successivi al 2018.

Il nostro paese farebbe quindi bene a potenziare gli standard di produzione di questo metallo. Insomma, da previsione, il futuro dell’industria siderurgica sembra roseo e, per questo, meritevole di un costante monitoraggio; ecco perché bisogna impegnarsi parecchio in tal senso.

Top